Nessuna nuova, buona nuova

Applicando lo spirito del titolo, potremmo ben dire che Spilimbergo riserva molte buone nuove. In un mondo dell’informazione dominato dalla violenza, dalla morte, dal gossip e dallo sport, certo un comune con 12mila anime non può offrire troppi spunti: qualche vandalismo tutt’alpiù, le cronache sull’ottimo momento della Vis, qualche evento… difficile trovare altro sui giornali locali, uno addirittura ridotto ad antologia giornaliera dell’Albo Comunale.

Spesso attendo con curiosità e interesse l’uscita periodica di alcune edizioni decisamente ricche di contenuti “alternativi” alla solita comunicazione, e scritte con semplicità, cura, abilità da mani diverse: mi riferisco al “Barbacian”, periodico della Pro Spilimbergo, e al “Bollettino Parrocchiale”. Ah, se più spesso e più persone ancora trovassero il tempo e il modo di arricchire il panorama sociale in tal maniera!

Bisogna però riconoscere che, in realtà, questo sforzo esiste, pur sottotraccia: penso ai molti siti web che diversi soggetti (associazioni, movimenti, partiti, club) mantengono e aggiornano con pazienza, e che nella maggior parte dei casi restano ignoti a buona parte degli spilimberghesi. Per non parlare dei percorsi, delle serate, degli eventi che riempiono fitti i calendari settimanali, apprezzati però dai “soliti noti” che gravitano per qualunque motivo attorno agli organizzatori.

Dopo tutte queste chiacchiere, sarà bene che concretizzi il mio pensiero. Cosa fare dunque per migliorare la situazione? Tanto per iniziare, proverò a raccogliere in una pagina tutti i link e le fonti sopra citate, e altre dello stesso genere, per avere sotto gli occhi una sintesi delle ricchezze che il territorio offre.

Secondariamente, mi piacerebbe veder nascere da un’opportuna collaborazione tra vari soggetti, sostenuti anche dall’ente pubblico, che possa portare a creare uno strumento organico, zibaldone dei migliori impulsi dei singoli. Immagino un nuovo periodico, magari mensile, arricchito dei contributi di associazioni, partiti, società sportive, privati cittadini, integrato con un analogo strumento sul web, che possa contenere interessanti contenuti extra (video-registrazioni di eventi e serate, approfondimenti).

Difficile? Forse, ma non tanto tecnicamente, quanto “umanamente”…

Commenta: