OdG sul genocidio armeno: serviva?

Lo scorso 30 settembre in Consiglio Comunale si è parlato di un argomento decisamente inconsueto per tale assise: il genocidio degli Armeni. Sarò estremamente breve: giudico l’iniziativa fuori luogo… nel senso preciso del termine. In qualità di cittadino ho provveduto a tempo debito ad eleggere i miei rappresentanti presso tutte le sedi istituzionali, dal Comune al Parlamento Europeo; questi sono deputati (tralascio la polemica sul sistema elettorale che pure meriterebbe ampio sfogo) a rappresentare (anche) i miei interessi e pensieri presso le relative sedi, ognuno per la sua pertinenza. Da qui non capisco perché il Consiglio Comunale si interessi di politica internazionale, senza nemmeno avere qualche motivo di coinvolgimento: ho eletto dei parlamentari per questi argomenti, e dei consiglieri comunali per altri.
Scopro inoltre che l’iniziativa ha suscitato reazioni non proprio entusiastiche dal Ministero degli Esteri e dall’Ambasciata turca. Magari Spilimbergo finirà sui giornali, al centro di un caso diplomatico. Speriamo di no. Speriamo che ci finisca per motivi di maggior orgoglio; al momento, però, questo c’è. Oppure la polemica sul friulano…

Commenta: